Aspettando Godot al Teatro Marconi

È stato applaudito lo scorso anno al Teatro Ghione e al Teatro Marconi dove ha registrato continui sold out e questa stagione torna a calcare le tavole del palcoscenico il capolavoro mondiale di Samuel Beckett: Aspettando Godot.

Dal 22 al 25 marzo, sempre al Teatro Marconi, Felice della Corte nei panni di Estragone, Pietro De Silva in quelli di Vladimiro, Riccardo Barbera (Pozzo) Roberto Della Casa (Lucky) e Francesca Cannizzo (Ragazzo) sono in scena diretti da Claudio Boccaccini.

Considerato dall’unanimità della critica il lavoro teatrale più bello e significativo di tutto il Novecento, Aspettando Godot è divenuto, nel dire comune, sinonimico di una situazione in cui si aspetta l’avverarsi di un avvenimento imminente ma che in realtà non accade mai e in cui, di solito, chi attende non fa nulla affinché questo possa realizzarsi.

Il capolavoro di Samuel Beckett, che si dipana in un’immobilità solo apparente, è intriso di una comicità graffiante, surreale, a tratti irresistibile. Il tempo sembra immobile, eppure tutto scorre.
I protagonisti, ignari e ingenui ultimi sopravvissuti, pur nella loro essenziale ripetitività, ci raccontano con leggerezza quasi impalpabile il senso profondo della vita. Facendoci riflettere e ridere ci pongono continuamente di fronte al grande circo dell’esistenza umana.

Tutta la programmazione sarà accessibile anche a spettatori non vedenti e sordi che, grazie al Teatro Ghione, possono, da alcuni anni, vivere l'esperienza del teatro.

Aspettando Godot
Di Samuel Beckett
Con Pietro de Silva, Felice Della Corte, Riccardo Barbera, Roberto Della Casa, Francesca Cannizzo
Regia Claudio Boccaccini
Luci e fonica Alessandro Pezza
Costumi Lucia Mirabilie
Aiuto regia Marzia Verdecchi
Grafica Giorgia Guarnieri
Albero realizzato da Danilo Ciancolini

Teatro Marconi
viale Marconi 698 E
dal 22 al 25 marzo 2018
Dal giovedì al sabato h21.00
domenica ore 17.30
www.teatromarconi.it
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

HEATHERS The Musical. Un coro contro il bullismo

Dopo aver debuttato lo scorso ottobre allo Spazio Diamante di Roma, ritorna “Heathers the Musical – High School Edition Versione Italiana” il musical ispirato al film cult del 1989 "Heaters- Schegge di follia" con Winona Ryder e Christian Slater, per un'unica imperdibile data: mercoledì 28 marzo alle ore 21 al Teatro Marconi di Roma.
L'incasso della serata sarà devoluto all'Associazione Anlaids per la prevenzione dell'infezione da HIV/AIDS e delle altre infezioni sessualmente trasmesse in ambito scolastico https://www.anlaidslazio.it
Dopo il successo del debutto a Los Angeles nel 2013, il musical ha avuto una produzione “Off-Broadway” nel 2014 altrettanto acclamata da pubblico e critica al punto che ultimamente, negli Stati Uniti, “Heathers” è divenuto un vero e proprio fenomeno di massa.
Lo spettacolo tratta tematiche di grande attualità: bullismo, adolescenza a rischio, omofobia, suicidio.
Argomenti profondi trattati con pensosa leggerezza e in chiave esorcizzante.
La colonna sonora rock, originale e coinvolgente, accompagna i momenti salienti e i momenti di passaggio con perfetta coincidenza.
Attualmente Heathers è in scena in molti stati americani.

PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA E IN ESCLUSIVA EUROPEA.
La versione italiana “Heathers The Musical - High School Edition” curata dalle accademie “Professione Spettacolo” e “Accademia Platafisica” è interpretata dai giovani artisti delle stesse supportati da alcuni professionisti ed è la prima edizione rappresentata in Italia e in tutto il territorio europeo.
Il progetto HEATHERS The Musical HSE (Versione Italiana) pone l’attenzione su problematiche sociali “sensibili” come BULLISMO, OMOFOBIA, e tutto ciò che riguarda le problematiche dell'“ADOLESCENZA A RISCHIO”.
Sono state avviate collaborazioni con Associazioni di settore che combattono questi problemi, le quali hanno risposto positivamente al nostro invito. Ogni forma di collaborazione e testimonianza anche personale è gradita e accolta con entusiasmo perché utile allo scopo finale di sensibilizzazione al problema.

HEATHERS collabora con ACBS – Associazione Contro il Bullismo Scolastico, una giovane organizzazione no-profit che si occupa di contrastare il bullismo nelle scuole organizzando progetti, corsi per gli insegnanti, incontri con i genitori e aiutando le vittime di bullismo e i bulli.
Visitate il sito http://www.acbsnoalbullismo.it/

HEATHERS è uno spettacolo anche a favore del progetto scuole "ANLAIDS INCONTRA I GIOVANI", progetto educativo a cura dell'Associazione Anlaids per la prevenzione dell'infezione da HIV/AIDS e delle altre infezioni sessualmente trasmesse in ambito scolastico https://www.anlaidslazio.it


La trama dello spettacolo

Veronica Sawyer frequenta “Westerburg High School”, un liceo nell'Ohio in cui hanno il predominio l’astio e la continua competizione tra i vari gruppi di studenti. Solo le cosiddette "Heathers" sembrano astenersi da questi conflitti, poiché considerate dalla maggioranza come “esseri superiori perfetti”. Heather Chandler, a capo del gruppo, sfrutta l'amicizia delle altre due per i propri interessi tanto da essere definita da loro stesse "squalo"; Heather McNamara e Heather Duke compongono il resto del trio. Veronica nel tentativo di scampare all'odio quotidiano diventa parte delle Heathers, rinunciando però a tutte le amicizie instaurate in precedenza. Al contrario delle altre due ragazze che si fanno sottomettere senza controbattere, Veronica si ribella al cinismo di Heather Chandler, la quale si diletta ad organizzare scherzi “pesanti” verso i compagni, facendo recapitare falsi messaggi d'amore scritti dalla stessa Veronica, molto abile nella falsificazione delle calligrafie altrui.
Ma ecco che compare alla “Westerburg High” Jason Dean, un nuovo studente, soprannominato JD, figlio di un impresario edile tanto ricco quanto spietato.
Veronica è attratta dal fascino poetico e dall'animo temprato del ragazzo e i due si innamorano in breve tempo. JD nutre un odio viscerale per i compagni ammirati e disonesti al punto di volerli eliminare e rifiuta le regole “assurde” non scritte della vita scolastica; questa sua rabbia sfocia nella psicosi, rivelando la sua indole sociopatica che lo porta ad ideare un piano di sterminio nella scuola in cui vuole coinvolgere Veronica. La prima a fare tragicamente le spese della sua mania omicida sarà proprio Heather Chandler. L'eliminazione della studentessa, e in seguito di altri suoi compagni "privilegiati" porterà ad un confronto finale tra Veronica e JD e in seguito alla rottura tra i due.
Con il cuore spezzato dal tradimento della ragazza, JD costruisce una bomba per far saltare in aria la scuola durante il ballo studentesco, tuttavia viene fermato da Veronica e decide quindi di farsi esplodere da solo lasciando gli altri studenti illesi.
Lo spettacolo si conclude con un finale che può sembrare pacificante in cui Veronica per prima e poi tutti si rifugiano nella bellezza della propria infanzia prima che sia del tutto passata.

CAST - Personaggi e Interpreti:

ROSY MESSINA nel ruolo di Veronica Sawyer
LUCA SETACCIOLI nel ruolo di Jason Dean
GIACOMO NAPPINI nel ruolo del Paul Kelly, Mr. Sawyer, Principal Gowan

Heather Chandler – ELEONORA TOMASSI
Heather Duke: - MANUELA LONGO
Heather McNamara, Ensemble - VALENTINA SIMONETTO, VALERIA BORSELLINI, CLAUDIA PILOSU
Martha Dunnstock - SILVIA LIBERATO
Ram Sweeney - LORENZO PELLE
Kurt Kelly – MASSIMILIANO LAVANGA
Bill Sweeney, Big Bud Dean, Coach Ripper - LUCA VIRONE
Miss Fleming, Miss Sawyer Ensemble: ROBERTA CANNIZZARO, CRISTIANA MORGANTI, MIRIAM TOCCI
Young Repubblicanette – BEATRICE RINALDI
Beleaguered Geek: SIMONE BURZOTTA
Preppy Stud, Officer Milner - NICOLO’ CAPODACQUA
Hipster Dork, Officer McCord - MARIO BATTISTI
Ensemble – ERICA BIANCHI, SOFIA DORIA, LINDA LA MARCA, NOEMI MAIRA, GIADA PISTONE, CESARE PIZZUTO, SARA SANTELLI.

Produzione: ASSOCIAZIONE IDEA DANZA – Roma
Direzione Artistica: PROFESSIONE SPETTACOLO – ACCADEMIA PLATAFISICA
Foto di scena: ANNA RITA BARBAROSSA
Direttore di palco: ROBERTO FAZIOLI
Ingegnere del suono: NANDO REMONDINO
Social Media Manager: CLAUDIA GROHOVAZ
Supervisione alla traduzione: ALICE GALLO, MICHELANGELO NARI
Assistente alle Coreografie: SERENA MASTROSIMONE
Acting Coach: MARIA LAURA PLATANIA
Vocal Coach: BRUNELLA PLATANIA, ROSY MESSINA, ALESSIO INGRAVALLE
Direzione Musicale: ROSY MESSINA, SERGIO COLICCHIO
Adattamento in italiano: MARIA LAURA PLATANIA, BRUNELLA PLATANIA, MARCELLO SINDICI – MICHELANGELO NARI
Coreografie: MARCELLO SINDICI
Regia Associata: BRUNELLA PLATANIA, MARCELLO SINDICI


“Heathers the Musical – High School Edition Versione Italiana”
Presentato da: ANLAIDS LAZIO
PROFESSIONE SPETTACOLO
ACCADEMIA PLATAFISICA
Per Concessione di Samuel French Inc. - New York
arriva in Italia HEATHERS The Musical High School Edition Versione Italiana

Musiche e libretto di Kevin Murphy – Lawrence O'Keefe
Basato sul film di Daniel Waters “HEATHERS – Schegge di Follia”

Con licenza ufficiale per la prima volta in Italia
Adattamento italiano: Maria Laura Platania, Brunella Platania,
Marcello Sindici, Michelangelo Nari
Direzione Musicale: Rosy Messina, Sergio Colicchio
Coreografie: Marcello Sindici
Regia Associata: Brunella Platania, Marcello Sindici

Info e Prenotazioni:
www.etes.it
Anlaids 06 4746031
345 8564336
CONTATTI:
Facebook - https://www.facebook.com/heathersitalia/
Twitter - @heathers_ita
Instagram - @heathersmusicalitalia
Youtube - HEATHERS MUSICAL ITALIA HSE
mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
official site: www.heathersmusicalitalia.com

Roma - Teatro Marconi
Viale Marconi 698E
28 marzo 2018 ore 21:00

La storia di Google. La forza delle idee.

“Qualsiasi progetto che si riesce ad immaginare probabilmente è possibile realizzarlo. Devi solo lavorarci”. È da questa idea di Larry Page che nasce il progetto di storytelling di Companies Talks per capire i grandi fenomeni imprenditoriali delle aziende dot-com come Google, Facebook, Amazon e Airbnb. Strumenti che sono entrati a far parte della nostra vita quotidiana. Ma quanti di noi conoscono la storia di queste aziende?

In collaborazione con il Teatro Marconi, da febbraio in poi, un team di attori metterà in scena quattro monologhi di “Business Entertainment” per raccontare la storia, la Vision ed il modello business di queste quattro realtà famose in tutto il mondo.
Attraverso una ricostruzione degli eventi, delle condizioni e delle scelte che hanno portato questi progetti "start-up" a diventare i player di riferimento del web, il pubblico conoscerà il coraggio di chi ha creduto nelle proprie idee, alimentando lo spirito d'impresa dei giovani.

Si parte il 19 febbraio alle ore 10.00 con La storia di Google - Due studenti e un professore alla conquista del web. A raccontare la storia del motore di ricerca più famoso al mondo sarà Tiziana Sensi che ne cura anche la regia.

Chi fattura 90 Miliardi di dollari all’anno? La risposta è su Google… ed è Google. Un monologo che accompagna per mano lo spettatore dalla nascita del colosso dei motori di ricerca fino al suo utilizzo in più ambiti (mail, mappe, Youtube, drive...). Sarà un viaggio all’insegna della tecnologia e dell’organizzazione. Intuizioni geniali si alterneranno a scelte molto pratiche. Verrà analizzata la Vision di chi ha pensato tutto questo, svelando il segreto di un successo planetario. Capiremo perché una semplice schermata bianca con un logo colorato è diventata l’oracolo dei giorni nostri.

Teatro Marconi
viale Guglielmo Marconi 698 e
tel. 065943554 – This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Il Grande Concorso al Teatro Marconi


È in scena al Teatro Marconi dal 14 al 18 febbraio Il grande concorso. Lo spettacolo, scritto da Roberto Fei, che ne cura la regia, Fabrizio Gaetani e Fabian Grutt vede sul palco Fabrizio Gaetani, Fabian Grutt e Valentina Corti.

Ognuno di noi, prima di nascere, deve partecipare ad un concorso. Un grande concorso publico, per l'ottenimento di un ambito posto fisso: il posto in cui nascere. I più bravi nasceranno in occidente, i più scarsi nel Terzo Mondo, perché il posto in cui nascere è un qualcosa che si deve meritare.
Succede così che nell’attesa dell’inizio del concorso, due “ex” italiani ed una affascinante e misteriosa ragazza s’incontrino, si conoscano e come accade spesso quando si è lontani da casa, facciano amicizia. Ben presto però la loro spontanea solidarietà, si trasforma in spietata concorrenza, con un’inarrestabile escalation di situazioni comiche ed espedienti che i tre metteranno in atto per accaparrarsi l’ambito premio.

In un periodo storico sempre più caratterizzato dal tema razziale, sfruttato da convenienze politiche ed interessi economici, il Grande Concorso è una divertentissima commedia che vuole usare la risata come mezzo per raccontare un tragica realtà, ricordando a noi stessi quanto siamo stati fortunati a nascere nel più “bel Paese” del mondo. Ricordando ciò, forse saremo più predisposti a ridere anziché ringhiare, di fronte a chi questa fortuna non l’avrà mai, spiegano gli autori.



Il grande concorso

di Roberto Fei,
Fabrizio Gaetani e Fabian Grutt
Regia di Roberto Fei

Teatro Marconi
Viale Guglielmo Marconi 698 e
tel. 065943554
mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Il Testimone di Nozze. Suggestioni agrodolci al Teatro Marconi

È Il testimone di nozze il titolo con il quale Felice Della Corte, direttore del Teatro Marconi di Roma, ha deciso di chiudere il 2017. Scritto da Jean-Luc Lemoine lo spettacolo sarà in scena dal 28 dicembre al 7 gennaio. Sul palco diretti da Felice Della Corte e Siddhartha Prestinari saranno in scena Maria Vittoria Argenti e Massimo Ceccovecchi insieme ai due registi.

Il testimone di nozze non è solo lo spettacolo in scena durante il periodo natalizio ma accompagnerà il pubblico nel 2018. La sera del 31 dicembre infatti saranno proprio questi attori a dare il benvenuto al nuovo anno e brinderanno con il pubblico con spumante, panettone e mini catering preparato dal bistrot del Teatro Marconi.

Sulle note della classica commedia francese, fatta di humor, ritmo e suggestioni agrodolci si muovono Benny e Lili che, dopo 17 anni di convivenza, decidono di sposarsi ed hanno l'infelice idea di invitare a cena un “carissimo” amico, Thomas, che non vedono da molto tempo a causa della separazione dalla sua donna, grande amica della coppia. Quest'ultimo si presenta, in veste di futuro testimone di nozze, con la sua nuovissima fiamma, Elynea. In questo scenario di tensione ed imbarazzi, una cena prematrimoniale che non sarà mai consumata, diverrà un concentrato di veleni, di amicizie tradite, di sordide e vigliacche strategie e di perfidi inganni. Tra imprevedibili confessioni e sorprendenti conclusioni, i nostri protagonisti scopriranno la colpevolezza dove sembrava regnare la sicurezza e la lealtà dove imperava la finzione.


IL TESTIMONE DI NOZZE
Di Jean – Luc Lemoine
con Felice Della Corte, Siddhartha Prestinari,
Maria Vittoria Argenti e Massimo Ceccovecchi
regia di Felice Della Corte, Siddhartha Prestinari
Teatro Marconi
viale Guglielmo Marconi 698e
tel 065943554
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Biglietti
Intero 24€ - Ridotto 20€
Under 25 9€
Per il 31 dicembre 65€ - Under 19 - 40€

Uomini sull'orlo di una crisi di nervi

Parte con una scoppiettante commedia la nuova stagione al Teatro Marconi. Uomini sull'orlo di una crisi di nervi il famosissimo testo di Galli & Capone regia di Rosario Galli. In scena Federico Perrotta, Andrea Carli, Salvatore Mincione, Ferdinando Smaldone e Valentina Olla nel ruolo di Yvonne. Dal 12 al 29 ottobre è in scena la commedia “cult” più̀ imitata, rappresentata da 23 anni.
Ne hanno realizzato, infatti, un film nel ’95, una versione televisiva per Palcoscenico Rai2 nel ’97, per PALCO E RETROPALCO nel 2009. Tradotta in inglese, francese, spagnolo, greco e polacco. 137 risate e 20 applausi a scena aperta in 115 minuti di spettacolo!
Quattro amici si vedono ogni lunedì sera, da dodici anni, per giocare a poker; una sera uno di loro arriva dopo aver litigato con la moglie; è nervoso, fuori di sé, al punto che è impossibile giocare- I quattro amici iniziano a discutere, sempre più animatamente e decidono che è meglio lasciar perdere il poker, la serata è rovinata. Ad un tratto però uno di loro ha un'idea brillante: perché non fare una cosa diversa, mai fatta prima, cercare una "signorina" che venga ad allietare la loro serata? Dopo altre discussioni e ricerche, esilaranti, finalmente suona il campanello e si presenta... lei, una ragazza bellissima, al di là di ogni immaginazione, simpatica, spiritosa, ironica, insomma sembra davvero un'apparizione ed i quattro amici perdono la testa, ognuno a modo loro; la ragazza tiene testa a tutti e quattro e alla fine si rivelerà essere qualcosa di assolutamente diverso da ciò che tutti hanno pensato.
“Ho accettato di dirigere una nuova edizione di UOMINI- ha detto Rosario Galli- perché́ ho incontrato un gruppo di amici, affiatato, entusiasta, folle, così come accadde 23 anni fa, quando iniziai a scrivere il testo per Nicola Pistoia e gli altri storici interpreti; Federico Perrotta è un degno erede di quel gruppo, insieme ai suoi scatenati compagni; un quartetto da non perdere... fino a quando non arriva la splendida Valentina Olla; a quel punto trattenete il respiro e contate fino a… un milione!”


UOMINI SULL'ORLO DI UNA CRISI DI NERVI
di Galli & Capone
regia Rosario Galli
compagnia UAO Spettacoli
con Federico Perrotta, Andrea Carli, Salvatore Mincione, Ferdinando Smaldone e Valentina Olla nel ruolo di Yvonne
aiuto regia Giovanni Gazzanni
costumi Valentina Giuria
disegno luci Serafino Forno

Teatro Marconi
viale Marconi 698 E
dal 12 al 29 ottobre
Dal giovedì al sabato ore h21.00
domenica ore 17.30
www.teatromarconi.it
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Cinemilonga. Storia d'amore e di tango


Il Marconi Teatro Festival omaggia il tango e lo fa con Cinemilonga giovedì 3 agosto alle 21.45. Una Piccola storia d’amore, di tango e di vita” di Fernando Pannullo da un'idea di Fatima Scialdone, liberamente tratta dalla canzone “Cinemilonga” di Renato Bonanni

Tango tra Italia e Argentina, una storia d’amore raccontata attraverso teatro, musica, tango e cinema, dai toni comici e brillanti a quelli più profondi e reali, spunto per trattare il tema ben più doloroso della dittatura militare dell’Argentina negli anni ’70, tristemente nota al mondo per la tragedia dei desaparecidos.


La storia - Due giovani argentini di origine italiana, Amelita e Toldo, forse studenti, forse impiegati, forse artisti, imprigionati e torturati in patria durante la dittatura di Videla, riescono con degli stratagemmi ad espatriare e, dopo brevi tappe in Spagna e Francia, si rifugiano in Italia. Qui, sfruttando le loro competenze artistiche, formano un Duo di fantasisti/tangueri, “AMELITA E TOLDO”, che cantano e ballano Tango e balli popolari argentini ma non solo, in teatri di avanspettacolo. I due fanno coppia anche nella vita, hanno imparato a convivere coi loro traumi, si sorreggono a vicenda, si vogliono bene, si arrabattano per migliorare il loro tenore di vita. Nei primi tempi vivono nel retro palco del Cine teatro di periferia, poi le cose cominciano a funzionare, le loro esibizioni sono richieste, affittano persino un monolocale vicino Piazza Navona.
La vita torna a sorridere. Restano però i fantasmi del passato che tormentano soprattutto Amelita, che, di tanto in tanto, nel sentire una musica o vedere qualche film, rivive con angoscia la violenza subita. Ma il buonumore di lui, il suo affetto, riescono a darle la serenità. Quando cade la dittatura, Toldo vuole tornare in Argentina, dare il suo contributo alla riedificazione della democrazia e ritrovare la sua famiglia. Amelita no, le piaghe si sono riaperte, rifiuta decisamente di ritornarvi. Toldo parte, soffrendo, lei resta, soffrendo ancora di più, perché adesso sente di amarlo veramente e non può fare a meno di lui…tendendo disperata le braccia grida il suo amore nel vuoto…
Anni dopo, il vecchio teatro dell’avanspettacolo ospita la CINEMILONGA, dove si balla Tango e si proiettano film sul Tango. I due, dopo tanti anni, si ritrovano e si allacciano in un ultimo ballo. Non si sa niente del loro passato e meno ancora del futuro, si amano ancora? Si rimetteranno insieme? Si separeranno di nuovo? Non importa, importa solo il presente, stretti di nuovo in un vorticoso romantico ballo.
Il clima irreale in cui sono immersi e felici può far sorgere il sospetto che sia stato tutto un bellissimo sogno…. Chissà…

Il soggetto dello spettacolo si ispira alla canzone “Cinemilonga” di Renato Bonanni che ha composto il brano nel 2011 in omaggio al regista argentino Fernando Birri, in occasione di un incontro alla Casa del Cinema in ricordo del suo grande amico e maestro Mario Verdone.
Una storia d’amore raccontata tra teatro, musica, tango e cinema, dai toni comici e brillanti a quelli più profondi e reali, offre lo spunto per trattare il tema ben più doloroso della dittatura militare dell’Argentina negli anni ’70, tristemente nota al mondo per la tragedia dei desaparecidos, quei trentamila ragazzi torturati e gettati nei voli della morte nel Mar della Plata e tra di essi le tante ragazze incinte che sono state private dei figli e poi uccise.
Qualcuno di questi ragazzi, grazie a fortunate situazioni, ma soprattutto al Console italiano Calamai, riuscì a sfuggire al massacro, e i due protagonisti della storia rappresentano proprio uno di questi casi.
Quello dei Diritti Umani è un tema universale, che accomuna, nella ricorrenza del 24 marzo (giorno del golpe), le vittime della dittatura argentina e quelle delle Fosse Ardeatine, strage avvenuta lo stesso giorno di 32 anni prima (1944-1976).
Troviamo utile e importante trattare l’argomento con il linguaggio universale del teatro, del cinema e della musica, avvalendoci anche del supporto dell’Associazione delle Nonne della Plaza de Mayo (presieduta da Estela Carlotto), e del patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica Argentina a Roma.

TEARO MARCONI
viale Guglielmo Marconi 698e
3 agosto
ore 21.45

Articoli in Primo Piano

Chi Siamo

  • ORA, famigliare in edicola ogni quindici giorni, offre voce direttamente ai protagonisti della scena.
  • This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…