Written by  Dec 05, 2017 - 26 Views

Troisi e Noschese il murales sarà recuperato

Tornerà a prendere vita, il murales imbrattato nella stazione della Circumvesuviana di San Giorgio a Cremano.

La Presentazione del progetto di Arteteca, Eav e Meridonare, partirà martedì 5 dicembre alle ore 16 presso la Fondazione Banco Napoli, in via Tribunali 213

All'incontro interverranno Daniele Marrama presidente della Fondazione Banco di Napoli, Marco Musella presidente di Meridonare, Umberto De Gregorio presidente Eav,  Luca Borriello presidente dell'associazione Arteteca. 
Era la notte tra il 23 e il 24 ottobre qando il vile gesto di alcuni sconosciuti deturpava vigliaccamente il murales di Troisi e Noschese, che spiccava fiero nella stazione Circum di San Giorgio a Cremano, opera realizzata dal duo Rosk e Loste di Inward con i fondi dell’Eav.
A distanza di poco più di un mese l’associazione Arteteca, presieduta da Luca Borriello con il supporto di Meridonare e il sostegno dell’Eav, mette in campo una campagna di crowdfunding per il recupero e la difesa dell’opera sfregiata.
Il progetto “Ricominciamo da qui!”, sarà presentato presso la sala Marrama della Fondazione Banco di Napoli 
e darà il via, sulla piattaforma www.meridonare.it http://www.meridonare.it , ad una campagna di crowdfunding da 6mila euro che servirà a ripristinare il murales danneggiato e a sensibilizzare la comunità locale e non, sui temi della legalità, del rispetto, del decoro urbano, della bellezza dell’arte, della cura degli spazi comuni e della memoria locale. Nel dettaglio l’intervento prevede: attività tecnica di rimozione superficiale degli elementi chimici che hanno costituito sfregio al murales; ripristino pittorico delle parti danneggiate e ridefinizione degli elementi sfregiati con nuova opera di pitturazione; azione protettiva dell’opera ripristinata.
“Il ripristino dell’opera danneggiata non è solo un’azione mirata ad eliminare lo sfregio per restituire i volti di Troisi e Noschese come sono stati realizzati in origine, bellissimi, realistici, luminosi – commenta Luca Borriello -. Piuttosto, si tratta di affrontare con energia e spirito d’iniziativa l’affronto che vandali ignoti hanno voluto arrecare al senso e all’atmosfera di bellezza e riqualificazione che nasce da simili operazioni artistiche. In più, l’idea di omaggiare doppiamente le due glorie locali, meritevoli certamente di una speciale di attenzione di tutti. Quindi per queste ed altre ragioni, partecipare al recupero dell’opera vuol dire negare che la bruttezza, lo scempio, lo sfregio possano vincere per mano di chi odia il miglioramento, la rinascita, la bellezza dei luoghi comuni.
Da sottolineare che sia gli artisti che la ditta “Piccolo” forniranno il supporto tecnico e artistico a titolo completamente gratuito.
Effettua il Login per lasciare un commento

Articoli in Primo Piano

Chi Siamo

  • ORA, famigliare in edicola ogni quindici giorni, offre voce direttamente ai protagonisti della scena.
  • This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…