Written by  Jan 15, 2018 - 185 Views

Dolores O'Riordan la sua voce resterà.

Un lampo breve, uno strappo. Ogni volta che accade si resta un po’ storditi pensando che si muore senza latitudini e differenze, che il cammino è diverso ma che può terminare improvvisamente spegnendo anche le luci più potenti, per poco si intende perché l’unicità di certe voci non si ferma allo spegnere della luce, della vita. Dolores O’Riordan è stata la voce più incredibile, unica, assolutamente irripetibile in un arco di tempo che chi, quei novanta ha vissuto, non dimenticherà. Il suono unico di ogni suo vocalizzo, una finestra spalancata su quell’Irlanda che l’aveva cullata, la libertà che sapeva infondere, non si può che immaginare l’abbia raccolta, per riportarla a casa magari a cavallo di uno dei suoi puledri, così amati. Nessuno può non ricordare i The Cranberries la band che con appena tre album conquistava il mondo, nel 1995 Zombie una delle canzoni più rappresentative veniva premiata come migliore canzone dell’anno. Correvano gli anni dei successi, anni in cui la carriera della band insieme a quella voce rievocazione celtica di voli onirici, nata come ballerina di flamenco restava simbolo di un nuovo modo di farsi strada con un rock emozionante, forte, narrativo, evocativo, un rock premiato con 33 milioni di dischi venduti. I duetti indimenticabili, la fusione con l’altrettanto inimitabile voce dei Negramaro Giuliano Sangiorgi e quel Senza Fiato colonna sonora di Cemento Armato prima opera da regista di Marco Martani, voci che cullano, che sollevano. E poi con Luciano Pavarotti, e poi il momento solista, lo scioglimento mai annunciato definitivamente, il ritorno insieme l’approdo in cui si torna a raccontare al mondo che quella voce non è mai cambiata…e poi l’inizio di quella sorta di discesa che partiva nell’estate del 2017, il tour annullato per problemi di salute. Fino ad oggi quando chi l’ha seguita, chi ha amato lei e il gruppo che l’abbracciava, vive un attimo di profondo stordimento. Le cause ancora non dichiarate, quello che passa è solo un comunicato stampa in cui si dice che: «La famiglia di Dolores è devastata dalla notizia, e in questo momento così difficile chiede solo che venga rispettata la sua privacy». Lei percorre altre strade, altri campi verdissimi, lei a 46 anni lascia questa terra per altre terre in cui sicure si leveranno le note di quello che resta, la sua voce indimenticabile che racconta mondi che non scompariranno finché resterà il suo ricordo.
Effettua il Login per lasciare un commento

Articoli in Primo Piano

Chi Siamo

  • ORA, famigliare in edicola ogni quindici giorni, offre voce direttamente ai protagonisti della scena.
  • This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…